CITTÀ SICURA

PER GARANTIRE BENESSERE E SERENITÀ ALLA COLLETTIVITÀ CHE VIVE OGNI ZONA DELLA CITTÀ

I cittadini di Avezzano hanno il diritto di vivere in un ambiente sicuro, ma nello stesso tempo hanno anche il dovere di rispettare le regole e l’onere sociale di insegnare a rispettarle; pertanto, occorre attuare azioni di prevenzione e promuovere la collaborazione tra tutte le forze dell’ordine. La legalità e la sicurezza sono obiettivi prioritari in una società civile e si curano soprattutto attraverso la conoscenza, la corretta informazione, il dialogo, l’insegnamento, la condivisione dei valori e la solidarietà sociale.

Andremo a disegnare ed attuare un sistema organico di controllo del territorio e di contrasto al crimine, condiviso con le forze dell’ordine (Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Municipale). Certamente occorre una maggiore dotazione di organico di Forze dell’Ordine, e su aspetto apriremo un confronto con il Governo centrale.

Si investiranno importanti risorse su sistemi intelligenti di videosorveglianza, connessi con i Comandi di Polizia Locale, per il pronto intervento nel caso di individuazione di individui sospetti, veicoli rubati e non a norma.

Le azioni si dovranno esplicare sui due livelli ormai classici della repressione e della prevenzione. Entrambi i piani di azione si realizzano attraverso il rafforzamento del coordinamento tra le forze di polizia, l’installazione diffusa di sistemi di video-sorveglianza e l’adozione di iniziative volte a sviluppare le politiche di prossimità. Azioni specifiche riguardano il miglioramento dei livelli di

integrazione degli immigrati, la prevenzione della devianza giovanile e della grave devianza della ludopatia.

Saranno sviluppate collaborazioni a sostegno delle attività delle Forze dell’ordine e della Magistratura al fine di contrastare ogni forma di illegalità che potrebbe corrodere il territorio e incidere negativamente sulla qualità della vita della città.

Combattere le principali tipologie di attività illecite che affliggono il nostro territorio come violenze, droga, furti, usura, gioco d’azzardo, commercio illegale ed abusivo, infiltrazioni mafiose, evasione fiscale, sarà uno dei principali focus dell’azione amministrativa. Aiutare le vittime, contribuire allo sviluppo di attività solidali e vigilare per la sicurezza del territorio, saranno, così, i corollari imprescindibili dell’agire dell’organo comunale.

Le azioni che si intende realizzare sono:

attuare il Piano Sicurezza Urbana, il quale prevede la suddivisione della Città in quattro quadranti, ciascuno assegnato ad una specifica forza di polizia, con un raccordo sinergico assicurato dalle sale operative, al fine di evitare sovrapposizioni ed esercitare un’azione preventiva più efficace;

promuovere la “sicurezza di comunità”, al fine di coinvolgere attivamente i cittadini di Avezzano nella segnalazione alle Forze dell’Ordine di fatti o circostanze non chiare che accadano nella propria zona di residenza;

potenziare massicciamente il sistema di videosorveglianza, implementando le nuove tecnologie che integrano banche dati e sistemi di riconoscimento basati sull’intelligenza artificiale (vedi poi); attivare forme di prevenzione per i comportamenti di devianza giovanile in stretta collaborazione con le istituzioni scolastiche, la ASL e le Forze dell’Ordine;

rafforzare la Protezione Civile ed i relativi presidi, stimolando pure forme di volontariato e di partecipazione attiva;

promuovere la conoscenza dei cittadini sulle modalità operative della Protezione Civile e del suo piano di intervento e programmare incontri periodici, nelle scuole e nei luoghi di aggregazione, per rendere i cittadini consapevoli del piano di sicurezza della nostra Citta ;

difendere il Tribunale quale imprescindibile istituzione a difesa della legalità nel territorio.

Un piano speciale sarà realizzato sulla videosorveglianza. La sicurezza farà un netto salto di qualità ad Avezzano proprio grazie al potenziamento del sistema di videosorveglianza negli spazi pubblici (strade, piazze e parchi). Il sistema verrà nettamente potenziato, portando le telecamere pubbliche attive a 250, e sarà aggiornato con nuove apparecchiature e tecnologie ad altissima affidabilità e connettività, con elevata risoluzione delle immagini. Le telecamere pubbliche saranno integrate con i sistemi privati, che saranno incentivati ma nel pieno rispetto della normativa sulla privacy.

Il massiccio potenziamento della videosorveglianza è precisa scelta della nostra Amministrazione che andrà ad incidere profondamente e positivamente sul sistema di prevenzione e sicurezza e sui presupposti di civile convivenza della città, rinnovando un servizio di primaria utilità per le Forze dell’ordine, la Polizia municipale e tutti i cittadini.

Una scelta che aggiorna impianti divenuti nel tempo in parte obsoleti e bisognosi di costose, complesse e non sempre risolutive manutenzioni. Un’operazione che consente al Comune di dotare la città di una strumentazione aggiornata e avanzata, approfittando delle risorse regionali e comunitarie per la sicurezza. A carico del Comune, quale unico costo, le spese annuali di manutenzione. Gli impianti saranno collegati alle reti digitali cablate, ove esistenti, ovvero alla  rete wi-fi e attivate nel territorio comunale, comprese le frazioni. Le tecnologie avanzate che

verranno utilizzate consentiranno un grado di definizione eccezionale delle immagini, con la possibilità di leggere dettagli, anche da filmanti realizzati in orari notturni. Saranno applicati sistemi di intelligenza artificiale di riconoscimento facciale e la centrale operativa sarà inoltre collegata con le banche dati nazionali per individuare in tempo reale veicoli rubati (riconoscimento  targa,         ecc.)                       e            individui                                          sospetti. Le prime istallazioni riguarderanno il quartiere della stazione che soffre di fenomeni delinquenziali e di progressivo degrado soprattutto nelle ore notturne. La seconda fase di installazione riguarderà l’intero centro storico e le periferie, su indicazione del Comitato ordine e sicurezza   pubblica,   creando   entro   il    2023    una    copertura    ad    amplissimo    spettro. Le telecamere saranno Full Hd (elevata risoluzione e resa), ed almeno per il 10% brandeggiabili, cioè governabili-orientabili dalle centrali operative.